“biblio.ludo.teca senza barriere”: missione compiuta, ma l’impegno continua

Fra le innumerevoli attività che la biblio.ludo.teca La sorgente di Poschiavo organizza regolarmente per la popolazione della Valposchiavo – al di là del normale servizio di prestito di giochi e libri – degno di nota è il progetto “La Svizzera gioca senza barriere – Ludoteca per tutti”, a cui si è dedicata ultimamente.




Il progetto, della durata di due anni, è stato promosso nel marzo del 2015 dalla Federazione delle Ludoteche Svizzere con il sostegno della Confederazione e di varie fondazioni. Si poneva l’obiettivo di migliorare l’accessibilità delle ludoteche per favorire chi ha problemi di mobilità, adattare e ampliare la propria offerta in base anche alle esigenze di persone con disabilità e organizzare eventi che includessero anche queste ultime.

Da sempre particolarmente attenta nei confronti di un discorso d’integrazione sociale, la biblio.ludo.teca ha aderito al progetto con entusiasmo quale ludoteca pilota, insieme ad altre 11 ludoteche sparse su tutto il territorio nazionale. L’unica di tutto il Cantone dei Grigioni e la sola di lingua italiana. Il compito di queste strutture intendeva essere quello di provare – ognuno secondo il proprio contesto e le proprie possibilità – a tradurre in realtà gli scopi del progetto ed essere da esempio per altre ludoteche.



A due anni di distanza e conclusa la fase pilota, la biblio.ludo.teca di Poschiavo trae un bilancio dell’esperienza vissuta. Il gruppo di lavoro appositamente costituito ha investito molto tempo nel progetto, ha lavorato con grande determinazione, sensibilità e creatività, con il sostegno di tutto il personale della biblio.ludo.teca, e può senza dubbio ritenersi soddisfatto dei risultati ottenuti. Sicuramente l’impegno profuso ha permesso di compiere importanti passi avanti verso l’uguaglianza e l’integrazione delle persone – bambini e adulti – con una disabilità o qualsiasi tipo di difficoltà.



Nell’ambito di questo progetto la biblio.ludo.teca ha acquistato giochi e libri espressamente pensati anche per chi ha disabilità motorie o disturbi della vista, per gli anziani o per chi soffre di Alzheimer. Ha sensibilizzato il proprio personale sul tema dell’inclusione e informato i responsabili dei vari enti che si occupano di persone diversamente abili o anziani sulle nuove possibilità di intrattenimento per tutti nei nostri locali. Ha anche apportato delle migliorie alla struttura (accessibile alle sedie a rotelle), realizzando, per esempio, una migliore illuminazione in alcune sale e prevedendo la sostituzione della porta d’ingresso con una ad apertura automatica. Inoltre, sono stati organizzati diversi eventi – pomeriggi di gioco, incontri con gli anziani, visite da parte dei bambini della scuola ortopedagogica e altri – che hanno permesso a grandi e piccoli, con o senza disabilità, di vivere piacevoli momenti di condivisione e di inclusione. Non si è trattato “soltanto” di invitare persone diverse fra loro, mettere a disposizione dei giochi e lasciarle a loro stesse o accontentarsi che si limitassero a guardare gli altri, ma si sono creati i presupposti affinché tutti potessero intrattenersi con tutti e ognuno trovasse un’attività adatta alle proprie possibilità.



Il progetto “La Svizzera gioca senza barriere – Ludoteca per tutti” è di per sé concluso, ma la biblio.ludo.teca è fermamente intenzionata a continuare a impegnarsi affinché l’esperienza maturata, le competenze acquisite e le migliorie apportate in questi ultimi anni portino i loro frutti ancora a lungo.